Naturalia

L'installazione elettrica

La corrente elettrica è fondamentale per il funzionamento di una famiglia. Il bilancio complessivo di una casa previsto per l'impianto elettrico è relativamente basso in relazione al resto. Secondo le stime ufficiali, gli impianti elettrici causano la maggior parte degli incendi ed incidenti domestici; pertanto, la pianificazione e l'esecuzione degli impianti dovrá essere effettuata esclusivamente da elettricisti qualificati.

I componenti principali di installazione:

La messa a terra

Le norme giuridiche prevedono la messa a terra di tutti i materiali conduttori di elettricità, tra cui: linee di acqua calda e fredda, linee fognarie, tubazioni del gas, serbatoi in metallo, caldaie, sistemi di riscaldamento centrale, prese di corrente, delle apparecchiature elettriche permanenti, etc.

Le parti metalliche delle fondamenta andranno collegate alla massa. Con il dispositivo di protezione RCD (interruttore differenziale) è relativamente facile ottenere la necessaria resistenza a terra. L'elettricista che ha installato il RCD, esegue le misure; queste installazioni sono normalmente regolamentate e prescritte e servono a proteggere contro gli infortuni gravi dovuti a difetti elettrici.

Sicurezza con presa RCD
Sicurezza con presa RCD: interrompe il flusso di corrente in pochi millisecondi quando si verifica un guasto di corrente; in questo modo diventano il guardiano segreto e personale della vostra casa.

Tubi, prese e linee

Qui è necessaria lungimiranza, in modo da poter prevedere anche esigenze dell’immediato futuro di una famiglia. Fatevi consegnare dal vostro specialista il piano elettrico in modo da poter intervenire anche successivamente sull’impianto. Inoltre delle pose precise in orizzontale e verticale dei tubi e degli allacciamenti facilitano notevolmente eventuali lavori successivi.

Tutte le parti sono installate a parete o nel pavimento e devono essere in materiale autoestinguente o ignifugo.

Interruttori di sicurezza e interruttore di rete

L’interruttore di sicurezza (automatico) ed il dispositivo a corrente residua (RCD) devono essere presenti per garantire la massima protezione in caso di anomalie di funzionamento. Spetta all’elettricista implementarle in aree a rischio o zone particolari, per fornire una protezione supplementare, ad esempio, assicurando le prese del bagno, in cucina, nella sala hobby e possibilmente anche in giardino, così come precedere una protezione per stabilizzare la tensione dei dispositivi elettronici.

Grazie alla crescente consapevolezza nella pubblica salute, è tornata alla ribalta la questione della protezione dai campi elettromagnetici.

Essi nascono dalle linee elettriche e dalle apparecchiature, laddove siano presenti correnti elettriche di flusso, creando campi magnetici. Tra i metodi più diffusi di riduzione dei campi elettromagnetici troviamo la proiezione dei cavi di alimentazione o di impianti di:

  • Installazione di un cavo schermato o cavo coassiale
  • Il cablaggio nella conduzione dei tubi elettrici (con messa a terra)
  • Prese e frutti schermati

e l’incorporazione di interruttori di commutazione generali per interrompere l'alimentazione elettrica.

Infatti, l’utilizzatore che spenga l’ultimo impianto, attiva un interruttore che provvede alla disconnessione completa dalla rete elettrica, fintanto nessuno accenda un’altra apparecchiatura; quando invece dovesse essere riattivata, questi ricollegherá nuovamente l’impianto alla rete. Questo sistema è adatto ad evitare la formazione di interferenze elettromagnetiche, rendendosi ideale in camera da letto e nelle stanze dei bambini. I punti di consumo che avessero bisogno di alimentazione ininterrotta, come frigorifero, congelatore o riscaldamento, devono essere alimentati con linee separate, interferendo ovviamente con il loro campo elettrico, ed in parte riducendo l'effetto desiderato offerto dal commutatore generale.

Interruttori, spine, prese

Sicurezza con presa RCD
Sono passati i tempi in cui era sufficiente un interruttore con due prese di corrente per camera. Le esigenze sono oggi molto diverse e soprattutto in cucina e nel soggiorno saranno necessari più punti corrente.  Pertanto non lesinate con prese e circuiti!

Ci sono varie combinazioni secondo lo stile di riferimento. Mascherine e pulsantiere sono selezionate secondo lo stile ed il gusto del cliente e possono essere sostituiti in qualsiasi momento. I c.d. stili “italiano” piuttosto che quello “tedesco” costringe il committente a decidere preventivamente, poiché il guscio a muro è diverso. Per un ambiente accogliente, si potrebbe pensare ad un’illuminazione meno intensa (stanza TV) che, grazie ad un dimmer incorporato nella presa, potrá tornare utile in soggiorno o nella camera da letto. L'intensità puó essere in tal caso controllata premendo continuamente l'interruttore. Il vostro elettricista vi aiuterà a decidere, grazie alla sua esperienza.

 

Sorgenti luminose

La fine della lampadina classica è stata decisa dalla Commissione europea. Non viene infatti più prodotta a causa dell’elevato consumo di energia. Ad una ad una – a partire da quelle da 100 watt - non potranno piú essere vendute e pertanto il consumatore dovrá cercarsi nuove sorgenti luminose – ad esempio le lampade a basso consumo energetico.

Nel frattempo, la nuova generazione di lampadine ha recuperato terreno: con forme e colori adeguati, le nuove lampade CFL offrono un'atmosfera calda ed accogliente come e più di una vecchia lampadina. Sono state inoltre imitate le forme delle lampadine classiche, consentendo quindi una rapida sostituzione delle lampade a incandescenza tradizionali.

In quest’ultimo caso, sono tre le categorie tra cui scegliere:

Lampada alogena
  • Lampade alogene
  • Lampade fluorescenti compatte
  • Lampade a LED

Lampade alogene

A differenza di lampada incandescente standard, questa lampada si avvale di un gas alogeno supplementare che ne estende la durata, aumentandone anche la resa. La lampada alogena produce una luce chiara e brillante, con eccellenti proprietà di resa del colore. Si avvicina di più al bulbo come qualitá, emanando anche un certo grado di calore. Ne esistono di tutti i tipi, forme e versioni, la maggior parte sono anche “dimmerabili”.
Risparmio energetico: fino al 30%

Lampade fluorescenti compatte

Lampada fluorescente compattaNelle lampade fluorescenti compatte (note anche come lampadine a risparmio energetico o a basso consumo), la luce non è prodotta da un filamento incandescente (com’è invece standard per la lampada ad incandescenza o quella alogena), ma da valvole con conduttori elettrici di plasma gassoso.

Le lampade fluorescenti compatte hanno senso quando si debba illuminare una superficie; a causa della loro luce soffusa, sono particolarmente adatte per l'uso con plafoniere o grandi paralumi satinati.

Queste lampade si adattano a qualsiasi presa standard (E27 o E14), sono disponibili nel classico "a forma di pera", o candeliformi piuttosto che tubolare, a spirale o come riflettore. La fredda luce emanata dalle generazioni precedenti, ha fatto posto ad una luce simile a quella della lampada ad incandescenza, come il bianco caldo (827). Per le attività speciali di illuminazione, come ad esempio negli ambienti di lavoro, il fresco “neutral white” (840) e il bianco diurno (865) sono piú adatti.
Risparmio energetico: fino al 80%

LED

Lampada LEDL’illuminazione a LED sta guadagnando sempre più terreno, sia per ambienti d’atmosfera sia per l’illuminazione domestica decorativa; nessun’altra sorgente luminosa genera luce con tale efficienza. Giá oggi consumano dal 60 al 80 per cento in meno rispetto alle tradizionali lampadine, durando molto di piú. Inoltre, il LED sviluppa pochissimo calore e, a differenza di lampade fluorescenti compatte, non contengono mercurio e sono quindi in vantaggio anche in termini di smaltimento.

Il fascio di luce del LED è completamente privo di raggi ultravioletti (UV) e infrarossi. UV e IR inducono scolorimento o addirittura deformazione su oggetti, immagini, piante e materiali che possono pertanto essere illuminati senza piú preoccupazioni. Tuttavia, i LED sono - al momento - l'opzione più costosa.
Risparmio energetico: fino al 80%

Sistema antenna TV

Una ricezione ottimale e la qualità dell'immagine dipendono in gran parte dal sistema d'antenna. Canali pubblici o privati, via satellite o "terrestri", gratuiti o a pagamento, l'offerta è ampia e se ci si sente a disagio, è meglio consultarsi con un esperto sul programma migliore per le vostre esigenze e abitudini. I sistemi d'antenna appropriati sono forniti da personale qualificato e tecnici installatori specializzati.

Citofono

Il citofonoIl tradizionale citofono è disponibile con o senza telecamera integrata e nel primo caso occorre anche un monitor di ricezione interno; con opportune interfacce può essere anche collegato al sistema telefonico di casa.

Il progresso tecnico in questo campo porta ogni anno nuovi e sofisticati sistemi sul mercato. Le nuove generazioni di telecamere per i sistemi videocitofonici hanno dimensioni minime ed una lunga durata, sono resistenti alla luce solare diretta e operano anche in condizioni di scarsa illuminazione di notte.

Impianti elettrici all'aperto

Per tutte le installazioni nel giardino o su pareti esterne è richiesta piú cautela giacché sono esposti, in particolare a temperature e umidità variabili, inquinamento atmosferico e luce solare diretta, richiedendo quindi la massima resistenza che solo l'ottima qualità dei materiali e garanzie del produttore possono fornire.

Porte automatiche

L’ingresso e la porta del garage con telecomando sono sempre piú popolari fra gli accessori di una casa. L'elettricista fornisce generalmente l'apparecchiatura per l'installazione e il funzionamento della porta, indipendentemente da quale materiale sia stato impiegato, avendo anche la possibilitá di adattare cancelli o porte esistenti.

Sicurezza

Protezione antiscasso

L'esperienza dimostra che, oltre ad una barriera meccanica, un moderno sistema di allarme è sempre scoraggiante.

Quando si accede al buio, si attiva automaticamente la luce esterna; questo consente di risparmiare energia e si viene allo stesso tempo allertati quando qualcuno si avvicina. La varietà di dispositivi rendono i sensori di moto una misura di sicurezza molto economica.
Sono anche utilizzabili all’interno dell’abitazione: la luce nel corridoio e sulle scale si attiva automaticamente. Oltre al comfort (ad esempio, con entrambe le mani occupate) si riduce anche il rischio di inciampare o cade.

Ci si puó decidere per contatti magnetici, sensori di infrangimento dei vetri, doppi rilevatori di movimento in combinazione con sirene o telefonata automatica per avvertire la polizia: gli impianti d'allarme dovrebbe essere principalmente sicuri contro i falsi allarmi, perché dopo il terzo allarme non reagirá piú nessuno!

Simulazione di presenza durante la vacanza

Le tapparelle si alzano al mattino e si chiudono la sera, le luci si accendono al crepuscolo e si spengono in un secondo momento. È un impianto elettrico che simula la presenza tenendo distanti eventuali ladri occasionali con questo trucco.

Sicurezza con presa RCD
Sensore anti-furto, anti-fumo e di rilevazione gas utilizzati anche per ridurre i premi di un’eventuale assicurazione.

Protezione dal fuoco

Contrariamente a quanto si crede, di solito non c'è tempo per scappare. La maggior parte delle vittime di incendi soffocano nel fumo che ci può sorprendere nel sonno senza che ce ne accorgiamo. Attraverso l'installazione di rilevatori (installabili anche successivamente in maniera agevole agevolmente), è possibile controllare questo rischio, dormendo sonni tranquilli.

Anche circuiti sovraccarichi costituiscono un pericolo di incendio. Lavatrice e asciugatrice sono in uso contemporaneamente, tutti gli elettrodomestici da cucina sono in funzione oppure su una singola presa nel soggiorno è collegata una spina multipla con televisione, lettore DVD, radio, lettore CD e computer con monitor e stampante: purtroppo, le linee non sono progettate per questi carichi!

Quando "salta il fusibile" è andata bene! Se tuttavia, il circuito non è correttamente dimensionato, può anche esserci un principio d’incendio nei cavi ed estendersi al resto della casa.

Protezione da sovratensioni e fulmini

Vi sentirete al sicuro durante il prossimo temporale grazie ad un parafulmini.

Tutti i bordi metallici del tetto, torrette, grondaie e camini sono collegati al cavo di massa formando una specie di gabbia. Diversi punti di scarico lungo le condotte pluviali assicurano la messa a terra.

Almeno altrettanto importante è la protezione da sovratensione. Infatti non è direttamente il fulmine a causare i danni piú ingenti ma la sovratensione dovuta alle folgorazioni a distanza, che distruggono apparecchiature elettriche e di telecomunicazione, con frequente perdita di dati correlata, danni non sempre coperti da assicurazione.

Questa tipologia di protezione è relativamente semplice da installare, collegabile alla distribuzione elettrica e direttamente ai dispositivi sensibili, quali telefono, televisore, stereo e PC con Internet. In questa maniera si ottiene la necessaria sicurezza anche durante i temporali e le apparecchiature possono continuare a funzionare senza interruzioni.

 

Domotica (KNX)

KNX è un tipo di collegamento (bus) utilizzato nella building automation. Rappresenta il successore dei bus tipo EIB, EHS e BatiBus. Il KNX é un'evoluzione di EIB e compatibile con quest’ultimo.

Domotica (KNX)Nel tradizionale impianto elettrico, ogni funzionalitá richiede una linea dedicata e ogni sistema di controllo, una rete separata. In contrasto, con KNX è possibile centralizzare tutte le funzioni impiantistiche attraverso linee, monitoraggio e reportistica comuni.

Oltre a risparmiare sulle linee, questo si traduce in ulteriori vantaggi: l'installazione in un edificio può realizzarsi in maniera molto piú semplice anche a posteriori. In caso di cambiamento di destinazione dei luoghi o di modifiche strutturali, è possibile regolare velocemente il sistema KNX senza la necessità di posare nuovi cavi.

KNX offre una vasta gamma di funzioni ed è un sistema indipendente, ció significa che è possibile avere diversi dispositivi di produttori diversi che lavorano insieme, realizzando una copertura completa di tutte le funzioni o applicazioni.

Campi di applicazione:

  • Riscaldamento: a seconda delle esigenze individuali e di controllo di utilizzo del riscaldamento, la temperatura di ogni stanza viene regolata separatamente.
  • Ventilazione: secondo necessitá, vengono aperte o chiuse le finestre o i ventilatori collegati.
  • Ombreggiatura: controllo delle tapparelle con un sensore di vento, luminosità e pioggia.
  • Tende: riconoscono la luminosità, il tempo e le circostanze per adeguarsi in base alle esigenze.
  • Climatizzazione: riscaldamento, ventilazione e tapparelle cooperano per creare un clima piacevole nell’ambiente, ottimizzando nel contempo il consumo di energia.
  • Illuminazione: controllo individuale dell’illuminazione nelle case e nei giardini.
  • Elettrodomestici: un tasto di controllo per scollegare tutti gli impianti simultaneamente nel momento in cui si abbandoni la casa.
  • Visualizzazione: avviso di finestre aperte, porte o cancelli, quando uscite di casa o prima di andare a letto.
  • Sicurezza: furto, incendio, fumo e danni derivati dall’acqua vengono rilevati e segnalati. La telecamera del citofono, inoltre, monitorizza costantemente la porta d’ingresso.
  • Interruttore di panico: per scoraggiare ospiti indesiderati con l’accensione simultanea di tutte le luci.
  • Vacanze: simulazione di una casa abitata con temporizzatore per il controllo di luci, tende e tapparelle.
  • Gestione energetica: sfruttamento automatico delle tariffe energetiche piú convenienti per i dispositivi ad alto consumo.
  • Timing: funzione di controllo a tempo di illuminazione, riscaldamento, tapparelle, persiane ed elettrodomestici.
  • Controllo serratura: accensione automatica del sistema di allarme, riduzione del riscaldamento e spegnimento di tutte le attrezzature al momento di lasciare la casa.
Visualizzazione
Visualizzazione e controllo su varie superfici: PC, smart phone, display a LED, e media: via cavo, radio, infrarossi. Comunicazione con altri sistemi (citofono, audio, video)

Soprattutto in caso di assenza, mediante le funzioni di rete del "bus" è possibile ottenere maggiori comfort e, grazie al collegamento con il sistema di allarme, un’ulteriore certezza.
A seconda del tempo, opportuni sensori si occupano di tende da sole, finestre per tetti, tende veneziane, controllando l'ombreggiatura o la climatizzazione degli edifici.
I sistemi KNX possono essere gestiti da qualsiasi luogo: via IR (infrarossi) a livello locale, via radio (in locale o in remoto), e in particolare, via Internet per consentire la massima flessibilità nella gestione e nella visualizzazione.

 

Edilidee 2012